Titolo

Periodo da concordare con i partecipanti

Il gran Tour dell’Alto Molise tra BORGHI, ZAMPOGNE e NATURA.

1° GIORNO: SEDE – SISTEMAZIONE IN HOTEL

Arrivo e sistemazione in Hotel a Isernia o dintorni. Cena e pernottamento.

2° GIORNO: ISERNIA – CASTEL SAN VINCENZO – SCAPOLI

Prima colazione in hotel e partenza in bus per un Tour guidato intera giornata. Mattinata da dedicare alla scoperta della città che è una delle due province del Molise. Tra i monumenti da vedere in una visita a Isernia non perdete la Fontana della Fraterna, in piazza Celentino V. Da visitate anche la Cattedrale di San Pietro, ovvero il Duomo di Isernia e la Chiesa di San Francesco.  Ma Isernia lega la sua fama al Museo Nazionale del Paleolitico che ingloba in se il Museo Nazionale di Santa Maria delle Monache e l’area di scavo La Pineta.  Nel pomeriggio partenza per Castel San Vincenzo, piccolissimo centro medievale, con meno di 600 abitanti, ai piedi delle Mainarde, nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. E’ qui che sorgeva l’antica Abbazia Benedettina di San Vincenzo al Volturno. Visitando l’area archeologica si potrà ammirare un piccolo gioiello, la Cripta dell’Abate Epifanio interamente abbellita con un ciclo di affreschi tra i più importanti esempi di pittura altomedievale europea. Castel San Vincenzo è anche natura. Dalla Valle di Mezzo, con i suoi boschi, le sue sorgenti, la sua fauna (il lupo, l’orso, l’aquila reale, ecc.).  A rendere il panorama ancora più suggestivo c’è il Lago di Castel San Vincenzo  che con il suo colore turchese regala una vista mozzafiato. A seguire proseguimento per Scapoli, altro paese del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Il piccolo borgo medievale, si è sviluppato intorno al Palazzo Marchesale dei Battiloro con le sue mura a strapiombo sulla roccia, che svelano l’originaria funzione di fortezza difensiva dell’edificio. Ma la fama di Scapoli nel mondo è legata alla zampogna. E’ in questo paesino, infatti, che l’arte della produzione di questo strumento musicale, eredità della civiltà pastorale, si è tramandata per secoli, attraverso il lavoro degli artigiani locali. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° GIORNO: AGNONE – CAPRACOTTA – PIETRABBONDANTE

Prima colazione in hotel e partenza  per Agnone, comune alto molisano che per concessione regia si fregia del titolo di Città e patria dall’anno Mille della più antica azienda italiana: la Pontificia Fonderia di Campane Marinelli.  Chiamata l’Atene del Sannio, ha un centro storico ricco dove spiccano gli alti campanili, tra tutti quelli delle chiese di Sant’Antonio e San Francesco (sec. XIV), quest’ultima considerata monumento nazionale; attiguo e comunicante con la chiesa, c’è Palazzo San Francesco. Da visitare anche la chiesa patronale di San Marco nel quartiere veneziano con le caratteristiche botteghe a “P” rovesciata, da non perdere le botteghe dei ramai e l’antico confettificio Carosella. Alle ore 13:00 partenza per Prato Gentile (Capracotta), una località a circa 1.600 metri di altitudine s.l.m. dove è d’obbligo una sosta per ammirare uno splendido ed incontaminato ambiente montano. Pranzo in ristorante a base di prodotti tipici. Ore 15:30 partenza per il Giardino della Flora Appenninica, un orto botanico naturale, in cui vengono conservate e tutelate le specie vegetali della flora autoctona dell’Appennino centro-meridionale. Poco fuori dal borgo è possibile ammirare il Palazzo Baronale, fu realizzato fuori dalle mura cittadine dell’epoca, in un periodo di grande espansione economica, demografica ed urbanistica di Capracotta. A seguire visita di Pietrabbondante; Si visiteranno il borgo, nella cui piazza principale, all’ingresso del paese, è ubicata la statua bronzea del Guerriero Sannita e gli interessantissimi scavi archeologici del Teatro-Tempio Sannita del Il sec. a.C. che rappresenta il più importante monumento del mondo sannitico. Il complesso è costituito da un teatro, un tempio e due edifici di servizio posti al fianco di quest’ultimo. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO: VENAFRO – SAN PIETRO INFINE – MONTERODUNI

Prima colazione in hotel e partenza con bus privato e guida per Venafro, città ricca di bellezze storico-artistiche tra le quali il Castello Pandone. Pranzo in ristorante tipico dove sarà possibile degustare la gustosa mozzarella di bufala della zona. Nel pomeriggio partenza per San Pietro Infine antico borgo medievale, la sua storia è legata alla Seconda Guerra Mondiale.  A seguire partenza per Monteroduni, tra i borghi più incantevoli da visitare, alle pendici del massiccio del Matese, c’è di sicuro il borgo con il suo centro storico di origine medievale che conserva tutt’oggi l’originario tipico impianto urbanistico, circondato da bellezze naturali. A Monteroduni ogni cosa traspira del suo passato: si sente il profumo della sua storia, delle sue origini di epoca longobarda, di cui è sicura testimonianza il culto di San Michele Arcangelo. Ed è proprio così: a Monteroduni si può avere davvero la sensazione di immergersi “in un altro secolo”. Basta varcare l’ingresso del Castello Pignatelli e sembra di compiere un salto all’indietro nel tempo. Oggi il castello, scrigno naturale ricavato tra la chiesa di San Michele Arcangelo ed il municipio, è una lussuosa residenza di proprietà comunale. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

5° GIORNO: MONTEDIMEZZO – SAN PIETRO AVELLANA – VASTOGIRARDI

Prima colazione in hotel e partenza  alla scoperta di uno degli spettacolari paesaggi naturali molisani: la Riserva di Montedimezzo, regina incontrastata dell’Appennino Molisano. La Riserva è interamente ricoperta di boschi e si staglia ad un’altezza compresa tra i 900 ed i 1300 metri. Qui potrete ammirare “dei preziosi miracoli” della flora quali il frassino maggiore, il nocciolo ed il ciliegio e della fauna, come lepri, cinghiali, tassi, caprioli e martore. Queste splendide perle della natura hanno meritato alla Riserva di Montedimezzo l’inserimento nel prestigioso programma dell’Unesco Mab. Pranzo organizzato in un ristorante tipico della zona.

Nel pomeriggio si partirà alla volta di San Pietro Avellana, incantevole borgo immerso nella natura incontaminata. Boschi di faggi e cerri, habitat naturale per il tartufo nero e bianco, e i ruderi di un monastero medievale in cui era conservato il Chronicon Volturnense, fanno da cornice a questo splendido borgo. Visita del Museo delle civiltà e del Costume d’epoca. Il museo raccoglie elementi caratteristici della vita contadina e di paese come oggetti d’uso comune, attrezzi agricoli, degli artigiani, della nobiltà e della borghesia locale, libri antichi, coperte e merletti, costumi che vanno dal Seicento al Novecento.

Seguirà la visita di Vastogirardi che conserva antiche dimore di notevole pregio storico ed architettonico, le cosiddette case palazziate, appartenute a famiglie benestanti che facevano parte del cosiddetto “ceto nobiliare” del Paese. La casa Scocchera-Selvaggi è la più conservata sia negli elementi architettonici esterni che negli interni. Il castello medievale rappresenta una delle maggiori attrazioni. Si tratta di un vero e proprio nucleo abitato, una cittadella che era destinata alle le funzioni di governo, civili e religiose. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

6° GIORNO: SEDE – DESTINAZIONE SANTUARIO CASTELPETROSO – ROCCAMANDOLFI – CARPINONE – SANTA MARIA DEL MOLISE

Prima colazione in hotel e partenza per la visita del suggestivo Santuario di Castelpetroso, definito la “Lourdes del Molise”. Al ternime partenza per Roccamandolfi, il borgo dei briganti. Visita del centro storico ove si possono ammirare le quattro antiche unità di misura per granaglie, una delle più antiche croci viarie ed i ruderi del castello di origine longobarda risalente all’anno 1995 raggiungibile percorrendo un panoramico sentiero nel verde ove troviamo anche il Ponte Tibetano, un piccolo capolavoro di ingegneria e carpenteria metallica. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita di un birrificio artigianale, in cui fiocchi di cereali, lieviti e luppoli si combinano con le acque provenienti dalle sorgenti delle montagne dando vita ad una birra dal sapore unico. A seguire una divertente caccia al tartufo per scoprire le tecniche di raccolta del tartufo molisano, visita di un’azienda locale e degustazione. A seguire ci si sposterà a Carpinone, piccolo e affascinante borgo medievale circondato da due cinte murarie. La prima racchiude il castello Caldora, la seconda protegge la parte bassa del borgo. Il castello è datato all’incirca intorno all’anno 1000 e venne inizialmente concepito come una fortezza impenetrabile, ma con il passare dei secoli subì molte trasformazioni fino ad assumere le sembianze di una residenza rinascimentale. A seguire la visita della fiabesca Cascata del Carpino, il cui fragore potremo già sentire diverse centinaia di metri prima. In antichità qui sorgeva un mulino dove i contadini potevano portare a macinare i loro magri raccolti. Nel pomeriggio si raggiungerà Santa Maria del Molise, un piccolo borgo ai piedi del Matese che, oltre a regalare un centro storico degno di nota, è noto per le sue acque che lo rendono un vero e proprio ‘paese d’acqua’. Si visiterà lo scenografico ed emozionante Parco dei Mulini, dove corsi d’acqua pittoreschi si alternano a romantiche cascatelle. Immerso in una cornice naturale di grande bellezza, tra il verde degli alberi e la roccia delle montagne, il Parco dei Mulini di Santa Maria del Molise è uno dei luoghi privilegiati per concedersi una sosta green in Molise, durante la quale è possibile anche ammirare alcune specie animali e vegetali e approfondirne la conoscenza. Nel Parco dei Mulini, infatti, si può vedere il raro gambero di fiume, che rappresenta una piccola eccellenza ittica del territorio, oltre ad un gran numero di uccelli acquatici. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

7° GIORNO: HOTEL – SEDE

Prima colazione in hotel e rientro presso le proprie sedi.

Scarica il programma

Vuoi partecipare a questo viaggio?

Compila i campi sotto indicati